Loading...

Scommetteresti su te stesso? L’acquisto di azioni proprie

Acquisto azioni proprie

Non unirti ai morti di spirito. Scommetti sulla tua vita, e mentre combatti fottitene del prezzo.

Charles Bukowski

Ti racconterò una cosa.

A Palermo, per la conclusione dei miei studi triennali in Economia, ho svolto la mia tesi di laurea su un argomento che allora mi intrigava parecchio.

L’oggetto della tesi era quello che, nel gergo aziendale, è conosciuto come Buy Back.

Lacquisto di azioni proprie.

Se non sai di cosa si tratta te lo spiego in maniera molto semplice.

Abbiamo un acquisto di azioni proprie quando una società per azioni (S.p.A.) decide di destinare parte dei propri utili o delle proprie riserve al riacquisto delle proprie azioni in circolazione.

Non sembra niente di speciale vero?

Eppure nel Buy Back ho trovato un forte significato applicabile alle nostra stessa vita.

“Si va bene Carlè, tu vedresti crescita personale pure giù dal fruttivendolo”

Non mi credi?

Scopriamo assieme di cosa parlo, ti prometto sarà molto interessante 😉

 

Consapevolezza dei nostri mezzi

Acquisto azioni proprie

Sarò chiaro.

Se è vero che lo strumento del Buy Back è talvolta usato in maniera scorretta da avidi manager in cerca di guadagni di breve termine, è altrettanto vero che in altri casi è usato in maniera non solo virtuosa, ma anche molto intelligente.

La società in poche parole dice:

In questo momento il mercato non valuta le mie azioni per quello che è il loro valore intrinseco.

Non sono quotata per quello che realmente valgo.

Dal momento che, al contrario, sono convinta del mio reale valore, della mia stabilità economica e della mia capacità di generare utili nel lungo termine, decido di essere la prima ad approfittare di questo ribasso dei prezzi per investire sulle mie stesse azioni.

Vedo una grande opportunità di investimento.

Così penso suoni abbastanza chiaro.

Allarghiamo adesso lo sguardo alla nostra vita.

 

Nostronome S.p.A.

Acquisto azioni proprie

Le persone non decidono il loro futuro, decidono le loro abitudini e sono le loro abitudini a decidere il loro futuro.

F.M. Alexander

Immagina adesso questo.

Immagina di essere l’amministratore delegato della tua personale corporation.

“Tuonome” S.p.a.

Nel mio caso, ad esempio, Carlo S.p.a.

Ti faccio una domanda secca.

Faresti unoperazione di Buy Back?

In poche parole:

Compreresti le tue stesse azioni?

Scommetteresti su te stesso?

Ti spiego subito dove voglio arrivare con queste domande.

Anche se in questo momento non abbiamo ancora raggiunto particolari risultati nella vita, anche se non abbiamo ancora un conto in banca a sei zeri, anche se in questo momento stringiamo i denti per arrivare a fine mese e i nostri progetti non sembrano decollare, anche se la nostra immaginaria quota di mercato è bassa, cosa pensiamo di noi stessi?

Quali sono le nostre abitudini, quanto sono chiari i nostri obiettivi, e quanto è elevato il nostro focus?

Per quello che vediamo, pensiamo che raggiungeremo risultati degni di nota in futuro?

Per quelle che sono le nostre caratteristiche, pensiamo che le nostre personali azioni quotate in borsa, che in questo momento sono sottovalutate dal mercato, varranno cento volte tanto in futuro?

Non dimentichiamo infatti una cosa.

Noi non siamo la nostra momentanea mancanza di risultati.

Noi siamo le abitudini che manteniamo nel tempo.

Cosa facciamo quindi nella vita?

Come spendiamo il nostro tempo?

Anneghiamo nell’intrattenimento facile e nella gratificazione immediata, o dedichiamo parte della nostra routine giornaliera alla lettura e all’apprendimento?

Divoriamo ogni pomeriggio intere serie TV belli spaparanzati sul divano o ci applichiamo quotidianamente per realizzare i nostri progetti?

Mangiamo in continuazione cibo spezzatura e zuccheri raffinati o stiamo attenti alla nostra dieta?

Spendiamo tutti i soldi in gadget costosi per far credere agli altri di essere belli, felici e famosi (per poi trovarci con le pezze al “cubo” a fine a mese) o siamo buoni amministratori delle nostre risorse economiche?

Chiediamocelo.

Dove pensiamo che le nostre abitudini ci porteranno in futuro?

Vediamo un’ottima opportunità di investimento?

Scommetteremmo su noi stessi?

In poche parole…

Acquisteremmo le nostre stesse azioni?

Ci leggiamo al prossimo articolo,

Un abbraccio,

Carlo

 

You might also like

No Comments

Rispondi