Loading...

Instagram e l’importanza di distinguersi dalla massa

Distinguersi dalla massa

E se anche noi facessimo parte della gran massa di persone che pensano di distinguersi dalla massa?

Giovanni Soriano

Lo vedremo.

Si tratterà di un articolo decisamente breve.

Quello che vorrei fare è proporti una semplicissima osservazione a partire da quello che, in questo momento, è ancora il social network per eccellenza.

Parlo ovviamente di Instagram.

Cominciamo subito.

 

Insta_Repeat

Distinguersi dalla massa

È successo questo.

Girando un po’ su Instagram nei miei momenti di cazzeggio (sì, anche io me ne concedo ogni tanto) mi sono imbattuto in questa pagina.

Insta_Repeat.

Si tratta di un profilo molto simpatico che raccoglie e riunisce in un unico spazio gli scatti dei vari Influencers.

Le foto raggruppate hanno però una particolare caratteristica.

Sono identiche le une alle altre.

Esatto, proprio così. Sono uguali tra di loro.

Sembrano quasi realizzate col copia e incolla.

Se non lo hai ancora fatto dagli adesso una buona occhiata 😉

Lo vediamo?

Stesso luogo, stessa posizione, stessa posa, stesso filtro.

Non si riesce a cogliere alcuna differenza tra uno scatto e l’altro.

Il risultato è un totale appiattimento. Una perfetta omogeneità.

Un festival della banalità e della standardizzazione.

In fondo parliamoci chiaro. Quante volte ci capita oramai di scorrere tra le feed di Instagram e sorvolare su scatti bellissimi con un leggero senso di noia?

“Sì, ok. Bello. Cosa c’è dopo?”

Piramidi, laghi incantati, Tour Eiffel, Colosseo e mille altre mete.

Ci sono stati proposti in tutte le salse. Abbiamo visto tutto più e più volte.

Se un tempo questi scatti (che, per carità, rimangono bellissimi) potevano apparirci un tempo magici oggi rappresentano la nuova normalità.

Costituiscono il nuovo standard.

La diffusione delle conoscenze, una possibilità di viaggio sempre più capillare ed estesa, straordinari gadget fotografici in grado di creare facilmente effetti mozzafiato, hanno reso questi scatti un tempo innovativi la perfetta normalità di adesso.

E qui viene il bello.

Mentre tanti aspiranti “Influencer” continuano ad arrampicarsi gli uni sugli altri, proponendo esattamente le stesse identiche cose, altri invece si distinguono.

Pubblicano scatti magari meno perfetti, è vero, ma anche più particolari e personalizzati.

Raccontano storie.

Catturano l’attenzione.

Si differenziano dalla massa.

Ottengono quello che la stragrande maggioranza degli altri, invece, non ottiene.

 

Sfuggire al destino del gregge

Distinguersi dalla massa

Da piccoli ci insegnano ad avere paura del lupo per poi scoprire, da grandi, che il vero pericolo proviene dalle pecore.

Terza_nota, Twitter

Ora, vorrei dire una cosa.

Non sono di certo qui per insegnarti come diventare Influencer.

Non ne ho le competenze, non sono attratto da questa professione, ed anzi quando qualcuno si arroga, con un pizzico di spocchia, la qualifica di “Influencer” a me una pernacchia di solito scappa.

Quello che però posso dirti è questo.

La tendenza, che abbiamo appena visto, ad appiattirci su standard comuni accompagna a tutto tondo anche la nostra vita di ogni giorno.

Usiamo un esempio su tutti.

Parliamo della nostra carriera universitaria.

Cosa rende noi, appena conclusi gli studi e conseguita la laurea con lode, differenti rispetto alle altre migliaia di colleghi che hanno maturato, solo solo quello stesso giorno come noi, la nostra stessa identica bella qualifica?

Perché mai un datore di lavoro dovrebbe assumere proprio noi e non uno degli altri mille mila candidati?

Ce lo siamo mai chiesti?

In questo blog in fondo ho cercato di farlo notare più volte.

Ho condotto una mia personale crociata contro la falsa credenza (che tanti studenti ancora hanno) che i voti siano tutto.

Ho cercato di trasmettere il messaggio che una lode non è minimamente garanzia di una futura e certa prosperità economica. (L’ho ribattezzata la corsa del topo universitarioed è uno degli articoli più letti del blog, dagli una buona lettura 😉 )

La verità è un’altra.

Avere una laurea in bacheca oggi non è più un elemento di differenziazione ma al contrario di semplicità conformità all’enorme esercito di laureati in cerca di occupazione. E proprio per questo diviene di fondamentale importanza per noi imparare a distinguerci.

Mi segui?

Parlo di maturare competenze traversali. Parlo di alzare gli occhi dai libri.

Parlo di partecipare, fin quando si è in tempo, ai progetti Erasmus, di cominciare a studiare le lingue, di fare associazionismo e politica universitaria, di sviluppare abilità di team working, di partecipare a laboratori e workshop universitari, di fare networking.

Attività che, sì, nell’immediato probabilmente tolgono tempo allo studio ed ai bei voti. Come negarlo?

Ma sono anche le stesse che nel lungo termine ci permettono di emergere rispetto a chi non ha mai messo piede fuori da una biblioteca.

Ci differenziano rispetto a chi, oltre ad una bella laurea con lode e tanta bella teoria (che presto o tardi finirà al 90% nel dimenticatoio) non può offrire alcuna competenza pratica, concreta e tangibile.

Chiaro?

Lo stesso ragionamento ovviamente si applica ad ogni altro ambito.

Lavoro, business, carriera.

Perché quella promozione dovrebbe ad esempio spettare a noi? Quali competenze e quali risultati possiamo esibire in più e che gli altri ancora non hanno?

O ancora, perché un cliente dovrebbe scegliere proprio noi piuttosto che la concorrenza?

In che misura siamo, ad oggi, maggiormente in grado di soddisfare le sue aspettative?

Mi segui?

Il messaggio è chiaro.

Ogni tanto poniamoci le giuste domande.

Come possiamo fare per evadere da una competizione ordinaria?

Cosa possiamo fare per sfuggire al destino del gregge e distinguerci nel nostro particolare settore?

 

Conclusioni

La vita è troppo corta per vivere lo stesso giorno due volte.

Anonimo

Il messaggio penso sia chiaro.

Il punto che voglio trasmettere è che non otterremo mai risultati straordinari facendo cose perfettamente ordinarie.

Non limitiamoci dunque a seguire la saggezza convenzionale.

Non riduciamoci a fare della nostra quotidianità quello che già ne hanno fatto tutti.

Impariamo da quegli “Influencers” che si scopiazzano a vicenda, tentando a fatica di prevalere l’uno sull’altro, continuando però ad esibire soltanto pura ordinarietà.

Sfuggiamo al copione preconfezionato e costruiamo competenze uniche e distintive che riflettano l’unicità della nostra persona, delle nostre competenze e della nostra offerta.

Cominciamo così a leggere libri che la maggior parte degli altri non legge.

Spendiamo il nostro tempo libero come il restante 99% delle persone non fa.

Rinunciamo a quell’aperitivo di troppo  e al cazzeggio seriale con gli amici, e magari quando torniamo a casa evitiamo di sfondarci subito di maratone Netflix. Usiamo piuttosto il nostro poco tempo a disposizione per investire sulla formazione, per smettere di rinviare all’infinito i nostri progetti, per costruire asset che alla lunga ci daranno risultati esponenziali e ben oltre la media.

Spero dunque l’articolo sia stato utile.

Se ti va fammi sapere nei commenti che ne pensi.

Noi ci leggiamo nel blog 🙂

Un abbraccio,

Carlo

You might also like

No Comments

Rispondi