Loading...

La strada non presa. Robert Frost

La strada non presa

La poesia è un modo di prendere la vita alla gola.

Robert Frost

Ciao e bentornato.

Oggi scopriremo assieme una bellissima poesia di Robert Frost.

Versi dai quali ricaveremo non solo un importante messaggio di vita, ma anche un significato che, sono certo, cambierà il modo in cui guidiamo le nostre giornate.

Poche chiacchiere dunque, cominciamo subito 😉

 

Divergevano due strade in un bosco ingiallito

E spiacente di non poterle fare entrambe,

Essendo io uno solo, a lungo mi fermai

Una di esse finché potevo scrutando

Là dove in mezzo agli arbusti svoltava.

 

Poi presi l’altra, che era buona egualmente,

E aveva forse i titoli migliori,

Perché era erbosa e non portava segni;

Benché, in fondo, il passar della gente

Le avesse invero segnate più o meno lo stesso,

 

Perché nessuna in quella mattina mostrava sui fili d’erba

L’impronta nera di un passo

Oh, quell’altra lasciavo a un altro giorno

Pure, sapendo bene che strada porta a strada,

Dubitavo se mai sarei tornato.

 

Questa storia racconterò con un sospiro chissà dove

Fra molto, molto tempo

Divergevano due strade in un bosco, ed io –

Io presi la meno battuta,

E di qui tutta la differenza è venuta.

 

 

La strada erbosa

Un sentiero sicuro

E aveva forse un miglior richiamo,

Perché era erbosa e voleva esser percorsa;

Lo avrai notato.

I versi di Frost rappresentano una perfetta metafora di come spesso conduciamo la nostra vita. E ti spiego subito il perché.

Da un lato abbiamo la strada col manto erboso.

Una strada invitante, sicura, che “voleva essere percorsa”.

Un strada già spianata da chi è passato prima di noi.

Una strada che ci indica dove è più sicuro andare e quali sono i precisi passi che dobbiamo seguire.

Parenti, amici, scuola, conoscenti.

Tutti ci indicano questo percorso.

“Non rischiare, non ti avventurare, segui il sentiero sicuro”.

Una strada che rispecchia un copione di vita già scritto.

Un’esistenza ordinaria, placida e e convenzionale.

Una vita in cui non osiamo e non intraprendiamo alcunché.

Non avanziamo più pretese del dovuto.

Non vogliamo essere giudicati strani.

Non vogliamo essere “quelli diversi”.

Accantoniamo il nostro desiderio di sapere dove avrebbe condotto l’altra strada, e ci limitiamo a proseguire lungo il sentiero convenzionale che ci è stato indicato.

 

 

La strada meno battuta

Il sentiero meno battuto

Io presi la meno battuta,

E questo ha fatto tutta la differenza.

Alcuni di noi però fanno un’altra cosa.

Si prendono di coraggio.

Intraprendono la strada meno battuta.

Si avviano lungo il percorso irto di pericoli, insidie, critiche e fallimenti.

E lo fanno per un semplice motivo.

Sanno bene che se prenderanno la strada sicura arriveranno esattamente dove ogni altro è già arrivato.

Un’esistenza, sì, placida e tranquilla, ma alla fine anche piena di rimpianti e potenzialità non espresse.

E non è quello che vogliono.

Vogliono arrivare dove pochi sono arrivati.

Vogliono arrivare alla fine della strada meno battuta.

Vogliono raggiungere il loro obiettivo, non quello dettato da altri. E vogliono raggiungerlo nonostante le cadute e il dolore alle caviglie.

Nonostante i cespugli pungenti e il terreno fangoso.

Nonostante le critiche, nonostante i fallimenti, nonostante le delusioni e l’iniziale mancanza di risultati.

Anche su questa strada però, a un certo punto, alcuni mollano.

Dopo una partenza in quinta (la classica motivazione di capodanno) si arrendono non appena l’adrenalina iniziale viene meno e si affacciano i primi veri ostacoli.

Tornano quindi sul manto erboso e sicuro dell’altro sentiero, rinunciando definitivamente al loro sogno.

Altri perseverano e tirano dritto.

Sono i pochissimi che hanno disciplina.

Sono quelli che hanno grinta.

Sono quelli che sanno bene che è solo questione di tempo, ma che passo dopo passo si stanno avvicinando alla meta.

Una vita scevra da condizionamenti esterni e costruita su misura alle proprie aspettative.

La destinazione che in pochi riescono a raggiungere.

 

Conclusioni

Bivio tra due strade

Una frase che mi ripeto spesso è questa.

Non si ottengono risultati straordinari facendo cose perfettamente ordinarie.

Questa frase mi ha guidato nei momenti più difficili e incerti della mia vita.

Momenti in cui avevo voglia di mollare la presa sui miei progetti per tornare anch’io indietro verso il mio porto sicuro.

E quello che ho capito è questo.

Non ci sono scorciatoie, o espedienti facili per raggiungere una meta ambiziosa.

Gli ostacoli, i fallimenti e i momenti difficili sono parte necessaria del percorso.

Chiunque promuova facili stratagemmi o strade spianate verso mete ambiziose o è un ingenuo, o ti sta truffando.

La vita reale è un’altra e, stiamone certi, anche noi dovremo decidere prima o poi quale strada intraprendere.

O una strada sicura, che ci regalerà esattamente quello che hanno già tutti (solitamente troppo poco) o una strada non battuta, che non ci dà garanzie o certezze, che è difficile da percorrere, ma che ha tutto il potenziale per regalarci una vita ricca di appagamento e di aspettative realizzate.

Lascia ora che te lo chieda.

E tu?

Tu quale strada sceglierai al bivio?

Ci leggiamo al prossimo articolo,

Un abbraccio,

Carlo

 

Ritrova la motivazione con una poesia. Non ti Arrendere. Un’altra poesia che personalmente adoro e che sono certo ti regalerà un’enorme dose di ispirazione.

Libri consigliati da Carlo. Ho selezionato in questa pagine le letture che più mi hanno ispirato e supportato nel raggiungere i miei obiettivi di vita. Saranno di aiuto anche a te.

Kindle Unlimited. 30 giorni in prova gratuita. Lo uso e lo consiglio.

Prime Video. Film e serie TV per rilassarci dopo una giornata produttiva. I primi 30 giorni sono in prova gratuita.

Codice Sconto Airbnb 50 Euro. Iscrivendoti ad Airbnb con questo link avrai a disposizione 50 Euro di sconto per il tuo primo soggiorno.

 


Piccolo approfondimento.

Questa è un po’ divertente.

Una parte della critica letteraria appoggia una diversa interpretazione del poema “La strada non presa”.

Afferma infatti che il poeta, Robert Frost, abbia scritto questi versi in realtà con spirito goliardico e scherzoso nei confronti di un amico.

In poche parole saremmo stati tutti tratti in inganno dagli ultimi versi del poema, trascurando il significato complessivo della poesia.

Che sia vero?

Che sia stata la nostra, per anni, un’allucinazione collettiva?

Che “La strada non presa” sia la poesia più fraintesa dell’intera storia letteraria?

A te lascio il giudizio.

Personalmente rimango di questo parere:

Interpretazione corretta o meno, il messaggio che ne abbiamo ricavato in tutti questi anni è comunque estremamente positivo ed utile per le nostre vite.

Se abbiamo sbagliato, be’, lasciamelo dire, abbiamo sbagliato nel miglior modo possibile.

Un abbraccio.

Carlo

 

 

You might also like

No Comments

Rispondi