Loading...

Metafora del Kintsugi. L’arte della resilienza

Ceramica Kintsugi con nervature auree

Il fallimento è una parte della vita. Il successo non ti insegna niente, ma il fallimento ti insegna la resilienza.

Ti insegna a prendere te stesso e a riprovare.

Sarah Morgan

Hai mai sentito parlare dell’arte giapponese del Kintsugi?

Kintsugi, letteralmente Kin (oro) e Tsugi (unire), significa “aggiustare tramite loro“, e rappresenta una tecnica millenaria ispirata ad una chiara filosofia di vita:

La filosofia di abbracciare il danno e la sconfitta senza doversi vergognare delle ferite che si portano addosso.

Interessante vero?

Vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta 😉

 

L’arte del Kintsugi

Piatto Kintsugi con decorazioni color turchese e nervature auree

Ti faccio una domanda.

Qual è la prima soluzione che ci passa per la testa quando accidentalmente rompiamo un vaso o un qualsiasi altro oggetto in ceramica?

Cosa facciamo quando, ad esempio, ci cade per terra e si frantuma?

Lo buttiamo.

È semplice.

Quell’oggetto, al quale magari potevamo anche essere affezionati, è oramai in mille pezzi e pertanto non ha più alcuna utilità ai nostri occhi.

La pratica giapponese del Kintsugi fa esattamente l’opposto.

Riconosce il valore e la bellezza soprattutto in un oggetto frantumato.

Ceramica Kintsugi con nervature dorate

La ceramica è ricomposta mediante l’infusione di un metallo prezioso (oro o argento) che ne riconnette i cocci.

L’operazione non solo restituisce integrità e funzionalità al manufatto, ma allo stesso tempo conferisce un tocco di nobiltà evidenziando nuove nervature auree laddove poco prima vi erano solo rovinose spaccature.

Ogni ceramica così riparata diviene unica ed irripetibile proprio per la peculiarità dei segni e delle linee che ne raccontano la storia e la distinguono da qualsiasi altro oggetto.

Ceramica Kintsugi color bronzo con nervature dorate

 

Una lezione di vita

Cosa ci insegna tutto questo?

Te lo spiego subito.

La tecnica del Kintsugi rappresenta una perfetta metafora del concetto di resilienza, ossia dellacapacità di un individuo di affrontare e superare in maniera positiva una difficoltà o un evento traumatico.

Quest’arte giapponese ci induce a riflettere su come consideriamo le ferite che portiamo addosso.

E non mi riferisco solo alle ferite fisiche ma anche (e soprattutto) a quelle psicologiche.

Nella vita ognuno di noi è infatti costretto a sperimentare sulla propria pelle problemi e difficoltà di ogni tipo.

Esperienze traumatiche e dolorose che inevitabilmente segnano la nostra esistenza.

La resilienza è l’arte di far fronte in maniera positiva a questi eventi e di valorizzarli.

È la consapevolezza che sono proprio i momenti cupi che abbiamo messo alle nostre spalle a definire le persone uniche che siamo oggi.

 

A testa alta

Ti dirò una cosa.

Non c’è assolutamente vergogna nell’essere stati imperfetti o nell’essere caduti in errore.

È il gioco della vita.

Qual è però la principale tentazione in questi casi?

Quella di girare i tacchi e mollare tutto.

Quella di chiudere un capitolo doloroso della nostra vita liquidandolo con una valutazione rancorosa, negativa, promettendo a noi stessi “mai più!”.

La tecnica del Kintsugi, all’opposto, ci insegna a non disprezzare il passato bensì a valorizzarlo.

Ci insegna a non focalizzarci più su quanto terribili siano state le nostre esperienze di vita, ma ad accettarle e cominciare quindi a vederle come una essenziale fase di crescita della nostra storia di esseri umani.

 

Mettere a frutto

Bene.

La domanda che adesso dobbiamo porci è una sola.

Come valorizzare il nostro passato?

Per farlo dobbiamo tenere bene a mente alcuni semplici fattori.

  • Le ragioni alla base dei nostri errori. Dobbiamo capire cosa sia andato male e per quale motivo. Dobbiamo imparare dai nostri errori, trarne le ovvie conclusioni ed avviare critiche costruttive verso noi stessi.
  • Smetterla di incolpare gli altri. Impariamo ad assumerci piena responsabilità per quanto viviamo in questo esatto momento. Ricordiamoci infatti che, anche se non abbiamo sempre il pieno controllo sulle circostanze esterne, possiamo sempre e comunque scegliere quale reazione adottare dinanzi gli eventi. Non dimentichiamolo mai.
  • Persistere e sperimentare. Dobbiamo mantenere sempre il focus sui nostri obiettivi e tentare nuovi approcci, forti dell’esperienza e delle lezioni acquisite dagli errori maturati in passato. C’è del buono in ogni situazione, ed una sconfitta rappresenta una preziosa occasione per tentare di nuovo, tentare meglio.

Prendiamo quindi esempio dall’arte del Kintsugi.

Ciò che ci rende unici sono proprio le cicatrici che hanno segnato la nostra vita e dalle quali di volta in volta siamo in grado di ricomporci in una meravigliosa opera d’arte.

Il mio più grosso in bocca al lupo.

Un abbraccio,

Carlo

Kintsugi. L’arte segreta di riparare la vita

Ho trovato questo libro sull’argomento decisamente piacevole. Leggero, scorrevole e con esercizi da applicare passo passo. Un’ottima lettura che mi sento di raccomandare

Travala.com. Nuova incredibile piattaforma di viaggio che permette di pagare (anche) con le criptovalute. Iscriviti con questo link. Viaggia, divertiti, e ricevi indietro 23 Euro 😉

Amazon Prime Video. Film e serie TV per rilassarci dopo una giornata produttiva. I primi 30 giorni sono in prova gratuita

Libri consigliati da Carlo. Ho selezionato in questa pagina le letture che più mi hanno ispirato e supportato nel raggiungere i miei obiettivi di vita. Saranno di aiuto anche a te

Kindle Unlimited. 30 giorni in prova gratuita. Lo uso e lo consiglio

 

Kintsugi pictures courtesy by Tsugi.de

You might also like

No Comments

Rispondi